home > Calendario dell'avvento > ECCOCI QUI! > Silvia

Silvia

Ti presenti?

Sono Silvia, 41enne, piacentina, psicologa, psicoterapeuta e mediatrice familiare. Mi sono specializzata alla Scuola Milanese di Terapia della Famiglia ed ho una formazione sistemico-relazionale, che ho successivamente integrato con formazioni individuali, anche di carattere cognitivo-comportamentale, per la gestione dell’ansia e dei disturbi post traumatici da stress. Lavoro su percorsi con adulti, coppie, adolescenti, minori, ma mi capita anche di fare qualche incontro psicoeducativo mirato sulla genitorialità o conflitti intrafamiliari.

Dove lavori?

Lavoro part-time in Ausl e il resto del tempo professionale lo passo nel mio studio dalle pareti verde salvia, in un luminosissimo settimo piano di un palazzone anni ‘70, appena fuori dal centro città!
Soprattutto in questi tempi "incerti", sento che la mia stanza “scalda” e fa circolare un pezzo relazionale (il mio, quello dei miei pazienti), mette in comunicazione diverse possibilità di narrazione, apre al dialogo e al confronto. Mi piace, mi ci sento proprio comoda!

Puoi spiegare cos’è per te una terapia?

A me piace l’idea di vederla come un percorso che non sia prettamente rivolto al trattamento del sintomo, ma alle situazioni relazionali che lo hanno generato, dalle figure dell’attaccamento a tutti quei nodi-cardine che “abitano” il suo contesto di vita attuale.

In fondo tutti noi siamo portatori di convinzioni che non vengono scelte in modo deliberato, ma ereditate dall’ambiente famigliare e “acquisite” inconsapevolmente, inculcate da istituzioni e autorità, o dedotte per sentito dire. E può capitare che continuare a sostenerle nel corso di un’intera vita sia faticoso - o magari semplicemente poco funzionale. E poi ci sono io. Io e il mio pezzetto di responsabilità: il paziente che ha scelto me - me, e non un’altra! - avrà a che fare con quella che sono e anche la mia, di storia.

Se dovessi scegliere un oggetto per descriverti?

Una cassapanca piena di cose! Oggetti, ricordi. Album fotografici, innanzitutto: ho la passione per la fotografia da che ho memoria, pellicola inclusa! Da ragazzina riempivo di foto, corredate con disegnini e didascalie improbabili, coloratissimi quadernoni con la copertina rigida, oggi mi accontento di qualche stampa con cui riempire le cornici di casa e di una cinquantina di cartelle nella Gallery, che aggiorno periodicamente sul cellulare e sul mio Mac.

Com’è la tua casa?

La mia casa “parla” di tutte le mie (dis)avventure, soprattutto quelle dei miei viaggi! Foto, quadri, candele, aromi: amo circondarmi di oggetti che hanno una storia.
Mi è sempre piaciuta l’idea di poter partire tutte le volte che potevo ed è una delle cose che ho sofferto maggiormente in questo momenti di confinamento. Adoro i week-end fuori porta in una città d’arte, ma sono arrivata anche a mete ben più esotiche, fuori e dentro l’Europa. E in valigia mi son sempre lasciata uno spazietto per le cose del posto: profumi e sapori locali, emozioni un po’ liquide e un po’ solide da riportare con me, per godermele tra le mie quattro mura!

Oggi, un po' forzatamente, un po' per necessità, ho saputo riscoprire lo spazio morbido della vita più tranquilla, domestica e lenta, dove mi piace curare i dettagli e sperimentarmi anche in cucina!

Come immagini il tuo lavoro nel futuro?

Chissà se ci dovremo tutti convertire all’on-line, ognuno per il suo pezzo, ognuno come può. Io da sempre amo la vista, il contatto, l'atmosfera che si crea in una seduta in presenza. Certamente mi è capitato diverse volte, su richiesta o per contingenza, di fare sedute “virtuali”: non sono le mie preferite, ma ho imparato a considerarne anche le innegabili opportunità. 

Che dire? Io sento che “cresco“ davvero ad ogni incontro e mi immagino così, senza mai smettere di imparare, stupendomi un po' ogni giorno: perché la vita, anche nelle cose più piccole, mi lascia ancora a bocca aperta!

➡️📌 E se vuoi conoscermi meglio, a partire dalle mie riflessioni su quello che accade dentro al mio studio e fuori, nelle tante sollecitazioni che questo mondo in movimento mi ispira, clicca qui: https://www.silviatizzonipsicologa.it